close

 

Terlizzi50: poeta della memoria e della storia

Testo a cura di  Davide  Speranza

 

Pier Paolo Pasolini volle ambientare “Il Vangelo secondo Matteo” a Matera. Non prese in considerazione quella Palestina, che pure era stata dannata dalle nuove leve del consumismo e dalla trasformazione del secondo Novecento. Il suo sguardo profondamente antropologico, profondamente centrato sull’umano, profondamente e disperatamente costruito – nel tempo – intorno al dilemma della mutevolezza della storia, fu implacabile nella scelta. Sapeva, Pasolini, che solo laddove le pietre sono pietre e la terra è ancora terra avrebbe potuto esserci la giusta distanza tra i fatti narrati dall’evangelista e le immagini puntellate in bianco e nero della pellicola. Una terra preistorica, quella materana, che dava il peso del destino umano. Da questa stessa pietas che spacca le interiora e le ossa per “succhiare tutto il midollo della vita” – per dirla con il poeta americano Henry David Thoreau – trae origine l’incandescenza di Ernesto Terlizzi. L’artista di Angri ha fatto una scelta, quella di iniziare e chiudere, a Matera, un percorso durato 50 anni, cresciuto dentro i parti e le ferite del suo atto creativo. Lo fa, sulla soglia del settantesimo compleanno, mettendo in mostra la sua guerra personale. È in Basilicata che inizia il viaggio, quando negli anni Settanta viene chiamato ad insegnare nelle scuole dell’entroterra lucano, un decennio 69-79, dove si ritrova lontano dallo sfacelo sociale dell’area agro-vesuviana. Qui apprezza la verità dei rapporti tra gli autoctoni, viene irretito dalla cruda bellezza della realtà contadina, quella bellezza vicina ai dipinti di Van Gogh, dove anche attraverso i colori e le tele si muovono i profumi acri del sudore, della rabbia e dell’inconsapevolezza. Terlizzi arriva dalle lezioni dell’Accademia, i suoi maestri napoletani del rinnovamento sono Armando De Stefano, Gianni Pisani, Domenico Spinosa, Carmine Di Ruggiero che lo introducono in una nuova dimensione astratta. Con il trasferimento in Lucania e la scoperta del mondo del Sud, ripensa a pittori come Renato Guttuso, Luigi Guerricchio, Ortega e, grazie alla nuova visione astratta acquisita a Napoli, recupera, attraverso il segno figurale, l’amore per la natura ed il mondo dell'uomo che cerca di riproporre sul piano allusivo, non più in chiave neorealista. In Basilicata le cose acquistano un valore altro, le sfaccettature emozionali si moltiplicano, l’analisi sociale solidifica certezze di potente narrazione sociale. Terlizzi capisce la forza del segno e sarà il segno l’elemento distintivo. In una delle sue opere più importanti, “Ultime tendenze nell’arte di oggi”, Gillo Dorfles, scriveva: «È un dato di fatto che a partire dall’immediato dopoguerra, in diversi paesi e centri artistici, a Parigi come a Tokio, a New York come a Roma, si è venuto evidenziando un genere di pittura basato soprattutto sulla velocità dell’esecuzione e sull’impiego prevalente di elementi graficamente differenziati piuttosto che sulla stesura di ampie superfici colorate». Ecco Terlizzi apre ad un ibrido, mescola le carte e reinventa le regole del gioco. Basa la sua ricerca sul rapporto uomo-natura. La figura umana è dentro il paesaggio, non fuori. È costola della natura, non elemento a parte. A Matera riscopre le contraddizioni dell’esistenza riverberate dalle ingenuità di un territorio che non sa dire altro che la verità su se stesso, gli amori nascosti, le devastazioni, le tradizioni sguaiate, gli asini che si ritirano dalla campagna, donne incinte, contadini piegati sotto il sole e schiacciati dai poteri invincibili, radici, mani deformate, ammassi di carne ramificata, pulsioni di labbra e rabbia. Terlizzi sviluppa una visione di elementi naturali antropomorfi. Dalla terra emergono fette di pelle, sorrisi smorzati, gambe e teste più simili a bulbi, fusti in crescita che nel liberarsi verso l’alto prendono forme primordiali. Non è più l’età del vedutismo dai plumbei risvolti. L’artista compie una riflessione violenta sulle brutture della società, ma approda ad una leggerezza simile, nel concetto, a quella di cui avrebbe parlato in seguito Italo Calvino nelle “Lezioni Americane”: «Per tagliare la testa di Medusa senza lasciarsi pietrificare, Perseo si sostiene su ciò che vi è di più leggero, i venti e le nuvole; e spinge il suo sguardo su ciò che può rivelarglisi solo in una visione indiretta, in un’immagine catturata da uno specchio…è sempre in un rifiuto della visione diretta che sta la forza di Perseo, ma non in un rifiuto della realtà del mondo di mostri in cui gli è toccato di vivere, una realtà che egli porta con sé, che assume come proprio fardello». Terlizzi applica quella poetica della leggerezza nei suoi quadri, egli è un poeta della memoria e della storia, i segni pittorici sono lettere trasfigurate che sopravvivono all’oggi, anno 2019, quando porta, in estate, i suoi nuovi lavori ancora una volta a Matera, celebrando così la cittadina capitale europea della cultura e mostrando un’amplificazione dei mezzi e dello studio geometrico. Tra queste due anagrafiche del pittore, tra queste due Matere, lo sguardo di Terlizzi si è affinato. Non solo china, olio o acrilici. Utilizza materie estrapolate dalla realtà e le trasforma in rievocazioni della stessa. Legni, pietre, barattoli, garze. La pittura si fa lentamente scultura. I demoni dell’umanità e i suoi arcangeli sfondano la parete ed entrano nel plesso solare dell’osservatore. Su tutto, si distingue la piuma-lama, sempre simbolo di quella leggerezza che incide nell’animo e nella emozione, sopra e sotto la superficie della coscienza. La lenta trasformazione di Terlizzi si individua negli anni Ottanta, quando torna in Campania e ad accoglierlo c’è ancora una volta la tragica ineluttabilità di quella natura che tanto aveva ispirato Giacomo Leopardi. Il terremoto sconvolge l’intera Regione, rasando al suolo borghi e città, mietendo vittime e seminando urla cui faranno seguito solo gli scempi della camorra e della politica corrotta. È il momento in cui prende ad usare materiali di ogni tipo, come le garze, il catrame, gli stucchi, lamiere. La pittura non è solo segno, è apice tattile. La sua passione non è mai stata così alta, per certi versi accostabile a quando aveva 6 anni, l’età in cui gli era scoppiato nel cuore l’amore per l’arte, grazie ad un regalo prezioso di suo padre: una tavolozza di cartone con acquerelli e tasselli colorati. Il bambino curioso diventa voce di denuncia, urlo contro le caste, contro i deplorevoli egoismi degli uomini-nonumani, degli uomini bestia. La sua ricerca si acuisce con il recupero del colore, una esigenza che trova soluzione nel desiderio di stemperare il dolore, nel rimettere in moto gli animi e ristabilire la speranza di una rinascita dopo il terremoto. L’analisi si ramifica, fino ai territori vesuviani e alle dolorose voragini di Sarno, quelle frane ancora una volta simbolo di una Natura che non perdona i propri figli. Terlizzi lavora su carte speciali tibetane, le figure a forma di piuma diventano barche in balia delle onde e di orizzonti scomposti, l’acqua come inizio e fine della vita umana, racconto trascendentale dell’umanità nei paesaggi ispirati al mare. Ovunque è allegoria, i chiaroscuri si affastellano fotografando borghi e insediamenti umani metafisici e disabitati. Sono le vedute di un artista che continua a raccontare il suo tempo. Ne è esempio il suo personale punto di vista sulle “terre dei fuochi”, quando utilizza la superficie ondulata e irregolare dei cartoni, per rappresentare il senso dello stupro. Uomo, natura, storia, memoria. Terlizzi, nel farsi Omero a cavallo di due secoli, dipinge se stesso, la sua sensibile presenza nel mondo, incarna le fattezze di un cantore capace ancora di sintetizzare il legame tra carne e terra, musica dell’anima e suono battente del sottosuolo, fuoco apocalittico e inesorabile corsa del tempo.

 

Mostre Svolte

close
CARL T. CHEW - RCBz - REID  WOOD

CARL T. CHEW - RCBz - REID WOOD

IDENTITY OF ARTIST / Marginal Active Resistances Two

dal 25 agosto al 21 novembre 2019
SHIMAMOTO - CAVELLINI - COHEN

SHIMAMOTO - CAVELLINI - COHEN

IDENTITY OF ARTIST / Marginal Active Resistances

dal 13 maggio al 24 agosto 2019
 “SELFIE / Searching for Identity”

“SELFIE / Searching for Identity”

MOSTRA COLLETTIVA INTERNAZIONALE

dal 28 dicembre al 28 aprile 2019
SETTANTA  RYOSUKE  COHEN

SETTANTA RYOSUKE COHEN

MARGINALI ATTIVI

dal 31 luglio al 01 dicembre 2018
MARCELLO  DIOTALLEVI

MARCELLO DIOTALLEVI

IN FORMA DI VIAGGIO

dal 18 aprile al 01 luglio 2018
GUGLIELMO  ACHILLE  CAVELLINI

GUGLIELMO ACHILLE CAVELLINI

Cavellini Artistamp / Mostra a domicilio

dal 22 dicembre al 31 marzo 2018
MARCEL  DUCHAMP 1887 - 2017

MARCEL DUCHAMP 1887 - 2017

1887 – Area di Confine Porta Duchamp

dal 28 agosto al 26 novembre 2017
KURT  SCHWITTERS  1887 - 2017

KURT SCHWITTERS 1887 - 2017

1887- Kurt Merz/Ecology

dal 06 maggio al 13 agosto 2017
JOHN  M.  BENNETT

JOHN M. BENNETT

“EXPERIMENTAL VISUAL POETRY”

dal 12 gennaio al 02 aprile 2017
ALESSANDRA ANGELINI

ALESSANDRA ANGELINI

L'UNIVERSO DENTRO TRA LUCE E COLORE

dal 20 ottobre al 08 gennaio 2017
CRUCIFIXION - Shozo Shimamoto

CRUCIFIXION - Shozo Shimamoto

ArtVerona I Art Project Fair 2016 - i7 Spazi Indipendenti Italiani

dal 14 ottobre al 17 ottobre 2016
JOSEPH   BEUYS

JOSEPH BEUYS

WHAT WOULD YOU PUT IN THE HAT OF JOSEPH BEUYS

dal 29 aprile al 27 agosto 2016
 BEN  VAUTIER

BEN VAUTIER

OTTANTA BEN VAUTIER

dal 21 dicembre al 27 marzo 2016
Retrospettiva / RYOSUKE  COHEN

Retrospettiva / RYOSUKE COHEN

FRACTAL PORTRAIT PROJECT 2001 - 2015

dal 13 settembre al 28 novembre 2015
Shozo  Shimamoto 1928 - 2013

Shozo Shimamoto 1928 - 2013

Virtual Fluxus Two / Mostra Collettiva Internazionale

dal 16 luglio al 29 agosto 2015
Shozo  Shimamoto   1928 - 2013

Shozo Shimamoto 1928 - 2013

Virtual Fluxus Poetry / Mostra Collettiva Internazionale

dal 31 maggio al 12 luglio 2015

Nessuna mostra in programma

Al momento non è presente nessuna mostra in programmazione.

Bongiani Arte Contemporanea

 

Progetto Internazionale con 241 Artisti presenti in mostra

 

SALA 1

Ernesto Terlizzi, Massimo Teti, Carlo Bertocci, Jose Molina, Carmine Rezzuti, Giovanni  Leto, Fabio De Poli,  Mathelda Balatresi, Luigi Mainolfi, Mathelda Balatresi Mark  Kostabi, Marco Vecchio, Alma Idrizi, Francesco  Tadini, Angelo Casciello, Lucia Mugnolo, Sabato Angiero, Tomaso Binga, Pasquale  Liguori, Daniela Carletti, Omar Galliani, Paolo Gubinelli, Rolando  Zucchini, Margherita Serra, Thea Lanzisero, Rosanna  Iossa, Pasquale Pannone, Luisa Bergamini, Enzo Patti, Stefano Di Stasio, Enea Mancino, Franco Cipriano, Michele Valanzano, Diana D'Ambrosio, Antonio  Caporaso, Giuseppe Di Muro, Laura Cristinzio, Gianni Vinci, Anna Crescenzi, Bianca Pirani, Laura  Marmai, Domenico Ferrara Foria, Giovanni Alfano,  Michele  Mautone, Elisa Zadi, Lucio Liguori, Rosa Gravino, Raffaele  Sorrentino, Gino Gini, Giovanni  Bonanno, Gerardo Di Fiore, Vittore  Baroni, Franco  Panella, Lamberto Caravita, Marcello Diotallevi, Alessandra Angelini, Sergio  Gioielli, Bruno Donzelli, Gisela Robert, Enzo  Bianco, Elio Alfano, Monica  Michelotti, Sergio Spataro, Ivan Piano, Alberto Sordi, Emanuela Duranti, Jacopo  Naddeo, Alfonso  Caccavale, Alberto  Silvestri, Gabi Minedi.

 

Sala 2

Maya Lopez Muro, Sara Pistilli, Pietro Maietta, Ruggero Maggi, Bruno Ceccobelli, Renzo Gallo, Pina Della Rossa, Peppe Esposito, Mauro Molinari, Stefania Fabrizi, Sergio Etere, Alfonso Sacco, Loredana  Gigliotti, Angelo  Michele  Risi, Pier Roberto Bassi, Anna Boschi, Ugo Levita, Franco Troiani, Gianfranco Duro, Antonio  Izzo, Antonio Perrottelli, Fernanda Fedi, Maya Pacifico, Nicola Liberatore, Gianfranco Goberti, Domenico Liguori, Paola Bonora, Pino Latronico, Giovanni Cuofano, Salvatore De Curtis, Peppe Pappa, Carlo Catuogno, Antonio Petti, Mimmo Fusco, Vittorio  Avella, Gianni  Guidi, Aulo Pedicini, Lucio Afeltra, Antonello  Tagliaferro, Pio Volpe, Claudio Carrino, di Vincenzo  Frattini, Anna Pozzuoli, Ellen G, Alberto Parres, Pietro Lista, Claudio Verna, Oscar Piattella, Lamberto Pignotti, Giuseppe  Pirozzi, Giancarlo Pucci, Clara Rezzuti, Petrella  Domenico, Maria Teresa Romitelli, Silvio Frigerio, Nando  Calabrese, Felix  Policastro, Giovanni Dell'Acqua, Cinzia Farina, Michele De Luca, Tommaso Cascella, Pablo Echaurren, Renzo  Margonari, H. H. Lim, Sergio Zanni, Franco Marrocco, Fabio Giocondo, Giuseppe  Caccavale, Umberto  Manzo, Walter Di Giusto, Walter Di Giusto, Ferruccio  Gard, Achille Pace, Peppe Irace, Eduardo Ferrigno, Carla Viparelli, Luigi Pagano, Sandro  Mautone, Felice Soriente, Carmela Corsitto, Danilo Maestosi, Claudio Grandinetti, Luigi Auriemma, Carmine Di Ruggiero.

 

Sala 3

Maribel Martinez, Alfredo Maiorino, Giorgio Cattani, Ugo Cordasco, Ezio Campese, Ilia  Tufano, Amedeo Patanè, Michele  Attianese, Vincenzo  Rusciano, Vincenzo Aulitto, Maria Bellante, Francesca Poto, Anna Maria Saviano, Clara Garesio, Raffaele Canoro, Antonio Ambrosino, Lamberto Correggiani, Michelino  Falciani, Franco Tirelli, Silvio D'Antonio, Paolo Bini,  Maria Gagliardi, Antonio Salzano, Riccardo  Dalisi, Elena Molino, Gaetano Di Riso,  Salvatore Manzi, Marino Atellano, Gloria Pastore, Carlo Iacomucci,  Massimo Palumbo, Bartolomeo  Migliore, Maria La  Mura, Antonello Scotti, Pino Lauria, Gian  Luigi Gargiulo, Franco Iuliano, Pierpaolo Lista, Enzo Correnti, Pasquale  Nasta, Antonio Manfredi, Rosa Panaro, Antonio Picardi, Franco Di Pede, Giovanni Cavaliere, Maria Credidio,  Salvatore Anelli, Guido Capuano, Matteo Pirani, Maria Pia Daidone, Battista Marello, Virzo  Carolina, Renato Milo, Francesco Cocco, Lucia Spagnuolo, Antonio Sassu, Bruno Patanè, Umberto Basso, Lorenzo Cleffi, Rosa Cuccurullo,  Tony  Stefanucci, Nino Tricarico, Virzo  Margherita, Mariella Bettineschi, Giuseppe Filardi, Elio Marino, Alessandro Ceccotto, Prisco De Vivo, Mariano Grieco, Lorenzo  Basile, Rosaria  Matarese, Marianna Troise, Marco Pellizzolla, Paolo Volta, Yoshin Ogata, Fulco Pratesi, Emilio Morandi, Antonio Fomez, Alfredo Raiola, Enzo  Angiuoni, Linda Paoli, Paolo  Novi, Eliana Petrizzi, Danilo Donzelli, Antonio Serrapica,  Gianni Rossi, Wanda Fiscina, Enrico Viggiano.

 

 

Torna su